Cofanetto british style

 

photostudio_1463407827185

Vivo nella costante ricerca della bellezza, in ogni luogo, in ogni sua sfumatura. Questa ricerca mi regala sempre qualcosa di nuovo ed a volte inatteso. L’incontro con persone “insolite”, contaminazioni di stili, nuove prospettive. E credetemi, avere gli occhi liberi ed aperti al “diverso” è sempre un grandissimo arricchimento.

photostudio_1463409040997

Il costante sperimentare di stili e materiali ti fa avvicinare ed incontrare il gusto di persone inaspettate. Come per questo bauletto, giunto tra le mie mani come un molto meno poetico contenitore di salumi! 🙂

Quindi una cassetta di legno originariamente custodia di tesori culinari, da oggi andrà a custodire tesori e ricordi di infanzia! Mi aveva chiesto che mantenesse una linea “severa”, contemporanea ed un pò trasandata. “Non so se hai presente” mi disse… (ancora non mi conosceva!)

Ho lasciato i suoi elementi originali ed aggiunto i manici in corda.

Realizzazione tutta con vernici Fusion Mineral Paint per l’esterno: un delizioso ed accattivante Chocolate, Bedford e Champlain per le decorazioni della bandiera (rigorosamente disegnata e dipinta a mano!).

Finitura a cera neutra e dark AS e “sporcature” di Old White Painting The Past.

Per l’interno smalto satinato colore Yuta.

Se avesse orecchie chissà cosa racconterebbe… 😉

Claude

 

 

Relooking ambiente ingresso

 

photostudio_1465212892249

Poi ci sono alcuni ambienti che sembrano più complicati di altri da allestire… ma vieni subito smentita quando trovi il pezzo perfetto!

photostudio_1465066695310

Io ho avuto la fortuna di trovarlo in questa imperfettissima petineuse che è arrivata a vestire l’ingresso della mia casa. Imperfetta eccome, ve lo garantisco! Con gli sportelli un pò “sgarrupati” dal tempo e totalmente sprovvista dell’originario vetro che doveva avere nel piano d’appoggio. Lo specchio? Beh, ovviamente senza… quindi perfetta! 🙂

Fortunatamente senza tarli attivi, ho voluto contrastare la sua imperfezione con la scelta del tipo di vernice e con colori e finitura tenui, morbidi e chiccosi. 

Una realizzazione tutta Painting The Past con la bellissima tonalità Muslin per il corpo e Morning Tea per gli sportelli. Rifinitura con cera neutra e Pearl.

Per i piedi (magnifici per me!!) Ho portato il legno allo stato naturale con la paglietta d’acciaio per non intaccare la patina del tempo, lavorando solo con cere neutra, bianca ed Old White.

Ho concluso l’ambiente richiamando le stesse tonalità sull’attaccapanni (rigorosamente handmade!).

La parete smaltata di colore Yuta, il perlinato e le cornicette di bianco a contrasto hanno fatto il resto.

Dal vero l’ambiente merita ed entrare è proprio un invito alla cordialità. Vi aspetto! 😉

Claude

Cornice espositore

photostudio_1465998411220

Come dico sempre, quando si parla di lavori su commissione, non esistono realizzazioni più importanti di altre, perchè tutti vorremmo che al nostro pezzo, indipendentemente da qualunque ragione, venga dedicata la stessa attenzione e la stessa passione. E così deve essere!

Tuttavia, quando si tratta di richieste legate all’attività lavorativa del richiedente, non vi nascondo rifletto ancora più a lungo, perchè da quel risultato dipenderà un effetto di non poca importanza.

Questa cornice era un ricordo di famiglia, conservata per anni in soffitta e che ora doveva essere trasformata in un espositore di collane per un negozio nuovo di zecca!

Non credo ci sia bisogno vi dica quante mille mila domande e sopraluoghi ho fatto prima di cominciare… 🙂

Un pò di restauro per saldare alla perfezione i pezzetti ballerini, una pulizia accurata ed approfondita, preparazione di base con fissativi ed antirisalita di tannino e finalmente via con il colore.

Tenue, morbido, che “non mi stanchi mai” ed armonizzi con tutto.

Ma ci voleva qualcosa di spettacolare… che non poteva essere sulla lavorazione della cornice che doveva rimanere lineare e pulita… e quindi? Il pannello!! Ho scelto per lui toni tenui che si accostassero alla perfezione alla cornice, e del suo stesso colore lo stencil damascato. Attenuato poi da diversi passaggi di cera bianca per smorzarlo e farlo risalire delicatamente.

Per la realizzazione Chalk Paint Original White per il bianco di base, Cathedral Taupe di Fusion Mineral Paint per il colore predominante e, neanche a dirlo, cere neutra, bianca e pearl di Painting The Past.

Gancetti bianche per i bijoux e che l’inaugurazione abbia inizio! 🙂

Claude

Credenzina in stile chippy

 

photostudio_1465213838944

Insomma, in questi giorni di vacanza mi sono accorta di avere più restyling da racconatrvi che non quelli già caricati. Eh va beh… cercherò di recuperare! Siete pronti?

Ho deciso di cominciare con questa simpatica credenzina in legno, dal sapore un pò vintage, ma che ho voluto recuperare un uno stile “soft” chippy che mi piace tanto e che trovo si adatti bene in qualsiasi ambientazione, ma con misurazione! 😉

Durante tutti gli anni di restauro di mo padre, sono girati per casa veramente un sacco di mobili e pezzi interessanti, ma ogni tanto arrivava anche qualche “brutto anatroccolo” a cui nessuno si interessava. Fu questa infatti la storia della mia credenzina, arrivata dritta dritta dalla Romania di un colore senape improponibile ed anche un pò malmessa. Ha visto una sua prima trasformazione con un look total white che tanto mi aveva preso negli anni di gioventù (ahahah..) e poi rivisitata come la vedete oggi.

Abbiamo detto uno stile “soft” chippy, quindi Milk Paint Lavender con shock termico per cassetti e sportelli rifiniti semplicemente con cera neutra e bianca Painting The Past.

Per darle un pò di vitalità e renderla meno seriosa ho realizzato per il ripiano un telaietto in legno dove ho alloggiato delle mattonelline decorate a mano sui toni della credenza. Ve le ricordate quelle mattonelline? Erano una rimanenza del tavolo del mio soggiorno in noce 😉

Se vogliamo i pomellini sono un pò “country” per lo stile, ma hanno una storia che li lega profondamente a questa credenzina, per cui restano lì!

Altro colore con gli accessori all’interno della vetrina… e pronta per essere presentata!

 Claude

 

Morbida cassetta

 

photostudio_1471071289138

Ecco… sono veramente imperdonabile! Ultimo articolo del blog datato 19 Giugno 2016??? Non si può… senza neanche due paroline sul periodo natalizio, gli appuntamenti dei mercatini, le creazioni “Maison Claude for Christmas”… insomma, il silenzio assoluto. Eh… perdonatemi, ma a volte mi faccio prendere dalla comodità ed immediatezza di cellulare e social media e trascuro vergognosamente la mia prima e più amata creatura.

E va bene… basta con i piagnistei e cerchiamo di metterci in pari con le mille mila cose che avrei da raccontarvi! 🙂

E riparto con lei! Questa vecchia cassetta in legno, meravigliosa, fatta apposta per raccogliere ricordi e segreti preziosi.

E’ stata una scoperta dell’ultimo secondo! In uno di quei giorni di mercatino che aspetti con impazienza. Poi all’improvviso le nuvole, la pioggia, il fuggi fuggi delle bancarelle, la corsa sotto i portici e l’afa disarmante che solo le nostre città di pianura sanno dare dopo un acquazzone estivo. E così la disfatta… ti rassegni e ti avvii mestamente verso il parcheggio con l’amaro in bocca per il mancato piacere di perdersi in mezzo ai tesori della piazza.

Ma poi… all’improvviso… in uno dei pochi banchi di coraggiosi rimasti vedi lei. Zitta, zitta in mezzo a tante altre bellezze da scoprire. Lì, pronta. Solo da contrattare e portare a casa.

E così è stato! Mi piace pensare che negli anni abbia conservato chissà quali tesori e chissà di chi. Che abbia girato il mondo custodendo oggetti di famiglia. Che sia passata di generazione in generazione fino a giungere tra le mie mani, nella mia home.

Pronti? Via! Il suo aspetto non lasciava dubbi nè riflessioni! Solo un chippy look delicato, delicato, poteva ridarle luce ai miei occhi. Nessun ripensamento! Nessuna alternativa!

Realizzazione:

  • pulizia approfondita e sgrassatura di vari aloni misteriosi
  • leggera carteggiata per eliminare una finitura troppo scura che nascondeva delle belle venature del legno
  • e lei, la magica Milk Paint nel suo splendido colore Farmhouse White
  • shock termico e spatola per le scrostature piccole e delicate che tanto mi piacciono!
  • un leggero velo di cera neutra Painting The Past per sigillare il tutto

Ovviamente non potevo che mantenere la sua maniglia originale in latta e la chiave della serratura ancora funzionante.

Così la volevo… morbida, delicata, antica. Pronta ad accogliere nuovi ospiti da custodire. 🙂

Claude

Pallet tutto fare

 

photostudio_1462644947688

Levigare in generale, ma i pallet in particolare, è sempre una gran fatica, ma ne vale assolutamente la pena!! 😉

photostudio_1462648299344

Sono tantissime le soluzioni che possiamo mettere in atto con questi semplici ma straordinari supporti! Io avevo bisogno di una cosina semplice, ma carina per rifinire la parete del mio balcone.

Ho scelto per lui uno stile assolutamente “classico” in tema shabby. Mensoline, colore tortora e stencil.

Realizzazione:

  • Levigatura accuratissima (uff… !!!)
  • Posizionamento listelli in legno inferiori per creare la mensolina
  • Lavaggio scuro con Graphite di Chalk Paint
  • Colore pieno con Algonquin di Fusion
  • Stencil con Original White di Chalk Paint
  • Grattatine e spazzolate strategiche per risalita fondo (post colorazione 😉 )
  • Cere neutra e dark AS

Delizioso, non trovate? Il mio balcone ha apprezzato! 🙂

Claude

Scrigni preziosi

photostudio_1462001778028

Tempo fa, quando facevi un giretto per le piazze nei vari mercatini dell’antiquariato, non era raro trovare un oggetto meraviglioso come le cornici a teca. Oggi è diventato sempre più difficile, purtroppo quasi impossibile a prezzi accettabili, praticamente un miraggio l’affare.

Questo bellissimo esemplare, proviene da un mercatino della Provenza, dove una mia cara amica era in vacanza e lo ha scovato in mezzo ad altre cornici. Peccato che non fossi con lei… sai che scorpacciata!! Ma grazie a Cinzia è giunto tra le mie mani!

Pezzo bellissimo, in legno massello, dai decori stupendi ed anche tanto tanto tanto sporco! ahahah… 🙂 Pulirla è stata una fase complessa, rilievi numerosi ed elaborati, nascondevano polvere vecchia di anni ed attaccata in ogni angolo.

La sua struttura era raffinata e grezza al tempo stesso. E così elaborata, per me, non poteva che diventare bianca. Ma un bianco caldo, morbido, accogliente… di quelle patine burrose che mi fanno sognare, dal sapore antico, nostalgico e poetico.

E quindi, dopo un’accurata remise à neuf, e trattamento del legno per effetto invecchiato  con spazzolatura per apertura delle venerature (solo all’esterno ovviemente), ho iniziato la fase decorativa.

Chalk Paint Original White, senza ombra di dubbio… era il suo! Colore pieno per l’interno ed un lavaggio leggero per l’esterno dove ho preferito lasciare a vista le bellissime venature del legno.

Per la patina è stato un susseguirsi delle mie amate cere: neutra di AS come base e poi via via Dark AS , Old White, Bianca e Cement di PTP; all’inizio con un ordine ben chiaro, ma poi a sentimento dove le sentivo meglio. Decisamente tanti ritocchi per darle anche la luce ed il movimento che richiedono le patine sui colori pieni ed omogenei.

Cosa vi posso dire? Innamorata… ovviamente! 🙂

Claude